Costiera Amalfitana

L’itinerario alla scoperta di una delle costiere più belle e visitate del mondo, parte da Salerno, dalla quale si raggiunge facilmente Vietri sul Mare per poi proseguire per Cetara, Maiori, Minori ed infine arrivare nella storica Ravello.

L’itinerario prevede poi la visita ad Atrani, da cui si raggiunge finalmente Amalfi, famosa per il suo Duomo. Da qui non può mancare una visita all’affascinante Positano, una delle perle del Mediterraneo.

Passeggiare, vicini al cielo. Un itinerario, quello delle passeggiate in alta quota, particolarmente gradito dai turisti che amano il trekking e le aree naturalistiche incontaminate. La conformazione geologica di questa penisola, ripide montagne che si affacciano a strapiombo sul mare color smeraldo, regala al visitatore un panorama straordinario.

I sentieri, anticamente, venivano utilizzati come percorsi per il trasferimento da un paese all’altro e per il pascolo degli animali. Oggi su queste vie di montagna si incontrano soltanto escursionisti. I sentieri della Costiera sono diversi e tutti ben segnalati sia dalle carte geografiche che dalla fitta rete di cartelli e frecce dipinte sulle pietre.

Nei centri toccati dai sentieri della costiera ci sono comode sistemazioni in albergo, o in suggestivi agriturismo. In queste strutture, inoltre, è possibile conoscere le tecniche di coltivazione e produzione di alimenti tipici del luogo, come la mozzarella, i salumi e il tipico miele aromatizzato della costiera.

I sentieri proposti sono “La via degli Incanti” (di difficoltà medio-bassa) con partenza da Amalfi o Positano e il “Sentiero degli Dei” (di difficoltà media) con partenza da Positano o da Vico Equense.

Per gli appassionati, nei pressi di Sant’Egidio del Monte Albino – precisamente sulla Valle delle Fontanelle e presso il Vallone del Lupo – si può praticare il parapendio.

Può interessarti anche